• catacombecatacombe

Place Category: Visit e ItinerariPlace Tags: Emissioni zero, Locale, Responsabile, Sostenibile e Tipico

Descrizione
Descrizione
Foto
Mappa
Recensioni
Elenchi Relativi
  • Un viaggio che attraverso la scoperta di gallerie e cunicoli permette di esplorare gli usi, i costumi e le tradizioni degli antichi romani.

    La legge dell’antica Roma proibiva, per motivi sanitari, di seppellire i morti all’interno della città. Le strade consolari erano fiancheggiate da splendidi sepolcri dei patrizi, che in genere venivano cremati e le cui ceneri venivano conservate in urne. I primi Cristiani, invece, ritenendo di doversi tenere pronti per la resurrezione, venivano sepolti senza cremazione in grotte sotterranee scavate nel tufo.

    Il nostro itinerario prevede una visita a tre delle più importanti e più grandi catacombe presenti nelle capitale: quelle di San Callisto, San Sebastiano e Santa Domitilla, tutte comprese nella zona dell’Appia Antica.

    In modo particolare le catacombe di San Callisto e San Sebastiano si trovano all’interno del parco regionale dell’Appia Antica. Polmone verde di 3400 ettari, il parco regionale è uno scrigno di biodiversità unico nel suo genere. Basti pensare che qui è stata rilevata la presenza di due specie ittiche: lo spinarello e la rovella. La presenza di queste due specie è molto importante: in particolare la popolazione degli spinarelli è in forte diminuzione per la drastica riduzione dei suoi habitat a causa dell’inquinamento delle acque. Questo fa comprendere il buono stato delle acque qui presenti. Per gli appassionati della due ruote ecologica, qui è possibile noleggiare le bici e attraverso 5 diversi percorsi ciclabili scoprire gli angoli più suggestivi di questo gioiello verde. In alternativa ci sono i sei percorsi a piedi e i due sentieri naturalisti, dove, grazie ai pannelli informativi, si possono scoprire tante cose riguardo la flora e la fauna qui presente. Tante infine le attività di educative organizzate dall’ente parco per i più giovani. All’interno del parco ci sono anche diversi punti ristoro dove poter gustare piatti tipici della tradizione romana cucinati con prodotti derivati dal parco stesso, e l’opportunità di assaggiare anche prodotti biologici.

    Prendete la vostra bici e iniziate il tour delle catacombe, partendo da quelle di San Callisto. Le Catacombe di San Callisto sono sorte verso la metà del secondo secolo. in esse trovarono sepoltura più di 500.000 cristiani, tra cui decine di martiri e 16 pontefici. Le catacombe di San Callisto occupano un’area di 15 ettari e contano quasi 20 km di gallerie sotterranee, che scendono a grande profondità (20mt.) e si diramano su quattro e a volte cinque livelli, fiancheggiati da loculi (nicchie scavate) disposti su due e tre livelli l’uno sull’altro. Per la maggiore sicurezza dei turisti, recentemente le catacombe hanno subito un intervento di consolidamento dell’area, attraverso la messa in sicurezza delle pareti e dal ripristino della pavimentazione originale. Per rendere questa struttura sicura sono stati utilizzati materiali fibrorinforzati, materiali naturali che hanno la particolare caratteristica di non impattare sull’ambiente e ridurre il consumo energetico.

    Proseguite e arrivate alle Catacombe di San Sebastiano. È qui che si trovano le prime tombe cristiane definite “catacombe” dal nome con cui era nota la vallata. Presentano quattro livelli di profondità, e all’interno sono ancora ben visibili alcuni dipinti risalenti ai primi tempi del Cristianesimo, stucchi graffiti e mosaici.

    Usciamo dal parco e imbocchiamo via delle Sette Chiese e raggiungiamo le Catacombe di S. Domitilla (anche dette dei Santi Nereo e Achilleo): Queste catacombe, non troppo distanti dalle precedenti, sono tra le più vaste e le più antiche. Si tratta di 15 km di gallerie sotterranee disposte su 4 livelli. Sono ben conservate e contano oltre 150.000 sepolture

  • No Records Found

    Sorry, no record were found. Please adjust your search criteria and try again.

  • Leave a Review