• oasiCdGoasiCdG
  • oasiCdG2oasiCdG2
  • oasiCdG3oasiCdG3
  • oasiCdG4oasiCdG4
  • oasiCdG5oasiCdG5

Place Category: Live, Attivismo ambientale e sociale, Sport, Visit, Fuori Roma e Verde pubblicoPlace Tags: Animali, Bambini, Ciclabile, Famiglie, Locale, Naturale, Pet-friendly, Responsabile, Sostenibile e Sportivi

Descrizione
Descrizione
Foto
Mappa
Recensioni
Elenchi Relativi
  • A due passi dall’abitato di Roma, boschi, campi, dune, resti archeologici e scorci di paesaggio naturale, aperto alle escursione e alle visite guidate.

    Castel di Guido è un antico borgo agricolo a 5 chilometri dal Grande Raccordo Anulare lungo la via Aurelia. Il borgo abitato fa parte di un’azienda agricola di proprietà comunale, ma i resti archeologici (una villa romana e un impianto termale) dimostrano che qui si coltivava per i mercati di Roma già da tempi remoti. Al centro dell’azienda agricola, circondata da campi di grano, erba medica e pascoli, si trova un’oasi naturale destinata alla conservazione di questo habitat in cui l’equilibrio tra attività umana, l’agricoltura, e natura selvatica, ha raggiunto livelli esemplari. Il Comune ha affidato la gestione dei 180 ettari dell’oasi, che rientrano nella più vasta Riserva del Litorale Romano, alla Lega Italiana Protezione Uccelli (LIPU). Qui, ogni giorno, operano una responsabile della LIPU e una decina tra ricercatori, documentaristi e volontari, allo scopo di conservare l’ambiente protetto, vigilare sull’oasi, minacciata principalmente dal bracconaggio, e soprattutto organizzare attività didattiche per gruppi e scolaresche. Un calendario di eventi, in gran parte gratuiti,richiama da Roma visitatori amanti della natura. Qui trovano un ambiente naturale di boschi selvatici e rimboschimenti artificiali, itinerari di facile percorrenza e sentieri più impegnativi. Molti scelgono la bicicletta per esplorare i sentieri sterrati che si inoltrano nell’oasi. Qui si fa anche conservazione della fauna: un recinto di riabilitazione ospita tartarughe, ricci e simili, curati dal Centro Recupero Fauna Selvatica LIPU di Villa Borghese, prima di liberarli nel sottobosco. L’oasi è anche stazione di inanellamento quando, due volte l’anno durante le migrazioni, i ricercatori catturano e rilasciano uccelli dopo averli dotati di anellini di riconoscimento che servono a studiarne le rotte.
    L’oasi è accessibile ogni giorno a piedi o in bicicletta dal borgo di Castel di Guido (a distanza di 2 km circa). L’accesso in auto è permesso durante gli eventi organizzati o previo accordo con la direzione.

     

  • No Records Found

    Sorry, no record were found. Please adjust your search criteria and try again.

  • Leave a Review